Stampa

Premiata la pioggia di successi del Ferrara Tchoukball

L’assessore allo Sport Simone Merli ha consegnato agli atleti una targa celebrativa

di Andrea Mainardi

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando, nell’oratorio della parrocchia di Sant’Agostino, in pochi avevano appena scoperto uno sport praticamente sconosciuto e dal nome curioso. A praticamente dieci anni da allora Ferrara è diventata una delle massime rappresentative italiane ed europee di Tchoukball grazie ad un incessante lavoro di quella che è una vera e propria comunità, ancora prima che una società sportiva. Con il successo dei ‘Bulls’ alla EWC di quest’anno, ovvero la ‘Champions League’ del tchoukball, la società estense ha toccato la propria vetta più alta ma non accenna a volersi fermare continuano nella propria attività rivolta anche alle selezioni giovanili e femminili. Il palmares ormai parla chiaro: aii campionati italiani conquistati sia dai ‘senior’ che i tornei vinti dalla diverse rappresentative under si aggiungono inoltre gli ottimi risultati della squadra femminile. E’ così che il Ferrara Tchoukball con tantissimi tesserati alle varie selezioni della nazionale italiana, che partirà indubbiamente tra le favorite dei prossimi campionati europei che si disputeranno a Castellanza ad inizio agosto.

“Questi non sono momenti da ricordare solo per una targa – spiega l’assessore allo sport Simone Merli – ma anche per ricordare tutto il vissuto di una stagione e per potersi far conoscere ancora di più. Questi risultati sono frutto di un percorso che dura tutto l’anno, nel quale l’impegno ha sicuramente pagato. Sottolineo come il tchoukball sia una disciplina molto inclusiva dato che le squadre sono composte sia da maschi che da femmine”.

Prende la parola poi il presidente del Ferrara Tchoukball Enrico Bonora: “Se tanti nostri giocatori sono arrivati anche in nazionale è perché lavorano bene. E’ stato un anno molto positivo nel quale tutte e quattro le nostre squadre partecipanti ai campionati hanno fatto bene”.

A commentare i risultati dell’annata appena trascorsa sono stati poi i due giovani ‘tchoukers’ Andrea Bonora e Stefano Bertelli: “Sin da inizio anno con i Bulls abbiamo capito di potercela giocare con tutti ed infatti abbiamo vinto praticamente ovunque. E’ stata una bella esperienza così come quella del poter allenare a nostra volta iniziando un ricambio generazionale. L’Italia ormai è tra le prime nazionali europee come livello sia individuale che di squadra. Nel torneo di Ginevra inoltre è stata centrata l’impresa di battere una selezione dei ‘maestri’ taiwanesi”.

Per gli amanti del tchoukball ferrarese dunque il prossimo appuntamento in città è fissato per sabato 1 settembre con la dodicesima edizione del ‘Green tchoukball’, torneo aperto a tutti dove anche i semplici curiosi potranno cimentarsi in questo sport.